Accetto con estremo piacere e con senso di responsabilità questo gratificante incarico di Direttore Artistico del Nuovo Teatro di Cuasso al Monte, carico di una esperienza teatrale professionale giunta al 33° anno di carriera, nella quale ho rivestito e continuo a rivestire diversi ruoli, regista, pedagogo teatrale, attore, scenografo, coreografo, drammaturgo, direttore artistico e culturale, con un continuo, denso e proficuo lavoro sul territorio e con svariate collaborazioni nazionali e internazionali. Nello specifico, da 22 anni sono Direttore Artistico del più longevo Festival teatrale varesino, “Teatro & Territorio”, una vera e propria eccellenza di cultura e arti performative, e sono anche Direttore Artistico della rassegna “Pomeriggi Teatrali” presso il Teatro Apollonio di Varese. 

Approdo a questa nomina dopo aver svolto un lavoro sul territorio cuassese da diversi anni in qualità di docente e pedagogo teatrale: già 15 anni fa condussi il primo laboratorio teatrale nella scuola primaria di Cuasso e in questi ultimi anni le attività sono proseguite sia per i bambini sia per i ragazzi cuassesi, nelle scuole e nel teatro dell’oratorio, sostenute dal Municipo, dall’Associazione “Genitori per la scuola” e dall’Istituto Comprensivo, sapendo coniugare e coordinare le varie realtà, promuovendone la loro presenza, sapendo armonizzare desideri e necessità, con una ricaduta positiva sulle strategie di intervento sull’utenza (minori, genitori, docenti). 

Ho sempre concepito il Teatro come un potente e straordinario strumento di crescita relazionale ed è per questo che ho approfondito lo studio della Pedagogia Teatrale, diventandone, col mio intenso lavoro, pioniere e modello nelle nostre zone e perfino oggetto di studio in varie Università italiane ed europee. Con questo intento, che è contemporaneamente una poetica, una filosofia e una metodologia, sono deciso a svolgere e a proseguire la mia attività a Cuasso, accogliendo e rispondendo ad una precisa richiesta e necessità di poter finalmente raccordare il Teatro al suo territorio, ovvero agli enti, alle associazioni, ai suoi cittadini, al fine di poterne divenire centro propulsore di eventi, ma anche di poter rappresentare un punto di riferimento creativo e ricreativo, una casa culturale e inclusiva di idee, scambi, sinergie, un centro per l’arte dell’incontro e delle relazioni sociali, nel quale possano convergere e convivere varie attività, proposte, manifestazioni di ogni natura artistica, culturale e aggregativa. 

Questa è la nostra svolta, un cambiamento nel segno della condivisione, delle collaborazioni, nella valorizzazione delle potenzialità e delle capacità, con un coinvolgimento attivo e concreto delle realtà. Per questo debutto abbiamo concordato di suddividere la Stagione 2017/18 in due parti, il primo tempo da settembre 2017 a febbraio 2018, il secondo atto da marzo fino all’estate 2018. Per questa prima parte sono presenti in cartellone eventi che propongono l’arte teatrale ma anche quelle cinematografica e musicale, con Compagnie professioniste di rilevanza nazionale e internazionale (TeatroLieve, Compagnia Roggero, Teatro Franzato), ma anche una amatoriale che ha sede nel territorio, uno spettacolo dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie per il giorno della Befana, un intero cineforum, un interessante spettacolo musicale e tanti altri eventi del territorio che rivelano una comunità viva e fertile. Ringrazio l’intera Pro Loco di Cuasso, il nuovo Consiglio Direttivo e il Presidente Simone Pedoja per la stima e la fiducia che hanno riposto nelle mie competenze. 

Il Direttore Artistico del Nuovo Teatro di Cuasso al Monte 

Paolo Franzato